.

Meningiti: sintomi e diagnosi

I sintomi della meningite sono indipendenti dal germe che causa la malattia. I sintomi più tipici includono:
• irrigidimento della parte posteriore del collo (rigidità nucale)
• febbre alta
• mal di testa
• vomito o nausea
• alterazione del livello di coscienza
• convulsioni.

L’identificazione del microrganismo responsabile viene effettuata su un campione di liquido cerebrospinale o di sangue.

Nei neonati, alcuni di questi sintomi non sono evidenti. Si può però manifestare febbre, convulsioni, un pianto continuo, irritabilità, sonnolenza e scarso appetito.
A cura  del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità
http://www.epicentro.iss.it/problemi/meningiti/meningite.asp
 


Vediamo in sintesti come si trasmette:
Porta d'ingresso

Cavo orale, rino faringe, prime vie aeree.

Trasmissione
Per via aerogena, contatti ripetuti con ammalati o portatori. Sono favorenti le situazioni di sovraffollamento. Fonte d'infezione: i portatori sani o paucisintomatici del batterio.

Incubazione
1-7 giorni (generalmente  2 o 3 giorni)
Informazioni del Cesmet http://www.cesmet.com/it/malattia-meningite

Entriamo ora nel dettaglio

Come si trasmette?
L'infezione si può trasmettere da una persona che elimina i microrganismi responsabili della meningite ad un'altra persona, attraverso il contatto con le secrezioni orali o le goccioline di saliva.
La meningite può essere trasmessa solo alle persone che hanno avuto un contatto stretto con un malato nei 10 giorni precedenti l'inizio dei
sintomi.
Il rischio esiste, ad esempio, per chi ha avuto un colloquio a breve distanza.
Il contagio è pressoché impossibile in altre circostanze quali: frequentare la stessa scuola, abitare nello stesso palazzo, essere stati negli stessi locali ma in tempi diversi rispetto all'ammalato.

Cosa fare quando si verifica un caso di meningite in una comunità?
I batteri che causano la meningite, in particolare il meningococco, non possono vivere a lungo fuori dell'organismo umano, per cui l'arieggiamento dei locali e la quotidiana pulizia degli stessi, ne causano l'inattivazione.
I soggetti che sono venuti a stretto contatto con un malato nei 10 giorni precedenti l'inizio della malattia, devono essere trattati con antibiotici a scopo di profilassi
Dal flyer realizzato da Lazio Sanità Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio
www.asl.ri.it/malattie_infettive/pdf/Op.Meningite.pdf 
 


Per maggiori informazioni
Ministero della salute  FAQ (le domande più frequenti) sulla meningite
http://www.salute.gov.it/portale/p5_1_1.jsp?lingua=italiano&id=104

Meningite in Toscana. Approfondimenti e raccomandazioni di Carlo Contini  Università di Ferrara - Febbraio 2016
http://www.unife.it/news/2016/febbraio/meningite-in-toscana-approfondimenti-e-raccomandazioni-di-carlo-contini
 
 


.
Castelfranco Pian di Sco' - City Portal 
a cura della redazione di Porto.it - Castello  di Castelfranco di Sopra -  on line dal 8.05.2016
Tutti i diritti riservati a Enrico Genna Editore